Home

La riserva naturale di Montauto.

Ubicata all’interno del Comune di Manciano, vi si estende per circa 200 ettari. E’ di proprietà dell’Enel. La sua istituzione risale al 1996 .

A stretto contato l’Oasi WWf di Vulci, confina con la provincia di Viterbo. La zona presenta la notevole caratteristica di possedere un bel bacino idrico e una cava che al momento è abbandonata. La vegetazione nei pressi del bacino idrico è molto ricca e molte sono le specie erbacee caratteristiche. E’ rilevante il fatto che vi si trovino pochi boschi, ma la vegetazione presente è costituita in prevalenza da pioppi e frassini. Qui si trovano molte specie d’uccelli quali lo sparviero, il gheppio, l’albanella reale, il falco pescatore, il barbagianni, la civetta e infine l’assiolo. Ma è possibile trovarvi anche altre specie molto importanti e caratteristiche delle nostre zone; il martin pescatore, gli aironi cenerini, la sgarza ciuffetto nonché le nitticore.

Tra le specie d’animali che popolano la macchia troviamo invece; donnole, faine, puzzole, volpi, cinghiali, caprioli e istrici. Nel torrente Fiora, che attraversa questa riserva si trovano la lontra e il caratteristico gambero di fiume.   

 

alt

Share