Home Scienza Fisica
  1. Esperimento di Teletrasporto

  2. Esperimento di Teletrasporto


Share

GLOBI SOLARI PIU POTENTI 400 VOLTE DEI NORMALI PANNELLI SOLARI.

Share

Le scie chimiche, un grave problema di cui dovremmo aver coscienza.

Le Onde Scalari


 

 

Share

Finalista per la copertina su Time. Fabiola Gianotti. Ansa.it  

alt

 

Share

Morto Luigi Dadda precursore dell’informatica in Italia. Forse pochi conoscevano l’ingegnere e professore universitario Luigi Dadda, anticipatore dell'informatica e ideatore del primo calcolatore italiano in ambito universitario, che e' morto a Milano all'età' di 89 anni. Ne danno notizia i famigliari. Il professore nacque a Lodi il 29 aprile 1923, dove si laureò in ingegneria elettronica nel 1947.

Come dicevo Dadda e' stato il primo tra gli universitari italiani a intuire le potenzialità insite nella ricerca dell’automazione e informatica. Si deve a lui e a pochi altri ricercatori la nascita del primo calcolatore elettronico digitale. Era il lontano 1954 quando nel Politecnico di Milano si cominciò ad usare il primo calcolatore elettronico.

Dadda si era completamente dedicato alla sua concretizzazione e per diversi anni si era specializzato nella sua messa a punto e perfezionamento. Tutto questo era stato preceduto da uno studio e da una rigorosa ricerca effettuata negli stati uniti, in California presso l’Institute of Technology di Los Angeles. Docente ordinario dal 1960, nel 1961 Dadda è stato cofondatore dell'Associazione Italiana per l'Informatica e il Calcolo Automatico, che presiedette dal 1968 al 1970, e nel 1972 e' stato nominato preside del Politecnico di Milano (1972-84).

Fu nominato presidente della Commissione per la Scienza e la Tecnologia presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, negli anni1980-82.

Era anche presidente dell'Advanced Learning and Research Institute (Lugano). Fondò e diresse la "Rivista di Informatica" ed e' stato fregiato del titolo di grande ufficiale prima e di cavaliere di gran croce poi dell'Ordine al merito della Repubblica. Nel 1976 il Presidente della Repubblica, Giovanni Leone, gli conferì la medaglia d'oro per i suoi molteplici impegni nella cultura e nella scienza.   

alt

Share
Altri articoli...